Casa delle feste – Seconda interrogazione al sindaco

Condividi questo post

Il Gruppo Consigliare del Partito Democratico, a tutela degli interessi dei cittadini, ha presentato una ulteriore interrogazione al sindaco Barletta per valutare – tra l’altro – se con soldi dei cittadini sono state eseguiti lavori che erano a carico del “soggetto Attuatore” (l’immobiliare che ha realizzato i palazzi adiacenti) che, si legge sui documenti, doveva “realizzare, a proprie esclusive spese, A PERFETTA REGOLA D’ARTE la Casa delle feste.

1 – Se le opere oggetto di scomputo delle somme dovute a titolo di oneri di urbanizzazione previste dalla Convenzione (protocollo 30980 del 10 ottobre 2007) – sono soggette alla normativa delle Opere Pubbliche (allora) vigente.

2 – Se ad oggi quanto al punto 5 della Convenzione (protocollo 30980 del 10 ottobre 2007) ha validità – per quanto relativo alle opere che con Atti successivi hanno sostituito le opere previste nella citata Convenzione (nel seguito Opere) – con particolare riferimento all’impegno del soggetto Attuatore “a realizzare, a proprie esclusive spese, a perfetta regola d’arte” le Opere stesse.

3 – Se ad oggi ha validità quanto al punto 7 della Convenzione (protocollo 30980 del 10 ottobre 2007) – per quanto relativo alle Opere – con particolare riferimento al mantenimento a carico del soggetto Attuatore del rischio economico conseguente a difficoltà note o ignote relativi ai lavori nel sottosuolo.

4 – In caso di risposta negativa in merito a quanto ai punti 2 e 3 sopra riportati, con quali Atti sono state apportate modifiche agli impegni del soggetto Attuatore previsti in origine nella Convenzione sopra citata.

5 – Se corrisponde al vero che la documentazione a supporto del Certificato di Collaudo Statico (protocollo 004878 del 01.03.2012) era mancante di documenti necessari per la sua regolarità ((tra cui l’assenza della rel. geotecnica, la relazione di calcolo e non adeguatezza dei certificati prova materiali).

6 – In caso di risposta positiva in merito a quanto al punto 5, quali sono le motivazioni che hanno reso possibile l’approvazione da parte della Amministrazione Comunale del citato Certificato di Collaudo Statico in carenza dei necessari documenti a corredo.

7 – Secondo quale prescrizione normativa è stata richiesta l’emissione di un Certificato di Idoneità Statica, essendo già presente per le Opere un Certificato di Collaudo Statico.

8 – in caso di risposta positiva a quanto al punto 2, in base a quale normativa/legge è stato definito l’intervento della Milano Costruzioni su incarico dell’Amministrazione Comunale (di cui alla convenzione stipulata in data 19/6/2019) a modifica delle Opere, non essendo queste prese in consegna dalla Amministrazione Comunale.

5 – Quali tipologia di interventi, con riferimento alle diverse parti costituenti le Opere, sono state eseguite dalla Milano Costruzioni.

Condividi questo post